Le costellazioni familiari funzionano davvero? Cosa sappiamo

OSR blog post

Nell'articolo odierno tratteremo il tema delle costellazioni familiari e finalmente potrete capire con certezza che cosa significa questo termine "speciale". Entriamo, dunque, nel vivo del discorso.

Cosa sono le costellazioni familiari e sistemiche

Anche se il termine “costellazioni” porta alla mente gli astri e l’astrologia, con le costellazioni familiari e sistemiche questa disciplina non ha nulla a che fare. Quello delle costellazioni familiari è un metodo terapeutico alternativo basato sulla psicoterapia (ipnosi, psicodramma e Gestalt) e gli studi e le affermazioni dei padri della psicanalisi (Freud e Jung); messo a punto dal poliedrico ed eclettico Bert Hellinger allo scopo di risolvere difficoltà esistenziali e problemi psicologici, basandosi sulla presa di coscienza e sulla conseguente risoluzione di dinamiche familiari che affondano le radici in un passato semi-sconosciuto o parzialmente rimosso dalla memoria e dalla coscienza.

Il metodo delle costellazioni familiari permetterebbe di far riemergere la verità da una sorta di “Campo Quantico”, l’essenza dell’energia vitale che unisce tutte le cose annullando la concezione relativa che abbiamo del tempo e dello spazio. Se il processo terapeutico coinvolge interi ambienti (ad esempio quello lavorativo, sociale, religioso, ecc.) e non solo il singolo individuo, si parlerà di “costellazioni sistemiche”.

La parola “costellazione” si adatta alla rappresentazione nello spazio delle sessioni di terapia, in cui gli elementi sono distribuiti in relazione fisica tra loro, al pari di un gruppo di stelle.

Bert Hellinger: il creatore delle costellazioni familiari

Anton (Suitbert) Hellinger, conosciuto semplicemente come Bert Hellinger, è stato uno studioso, scrittore, pedagogista tedesco. Nato in Germania, in una famiglia cattolica, visse a Colonia e in Italia, in Sudafrica e a Vienna, in California. I suoi interessi spaziavano dalla teologia (fu prete e missionario), alla pedagogia e ai sistemi educativi, alla psicologia e alla psicoanalisi, senza tralasciare una curiosità scientifica per le ideologie e le credenze dei popoli con cui venne a contatto (con particolare attenzione alle tribù Zulu dell’Africa meridionale, che hanno giocato un ruolo importante proprio nella messa a punto del sistema delle costellazioni familiari e sistemiche).

La scienza approva la tecnica delle costellazioni familiari

Immagine rappresentativa delle costellazioni familiariIl metodo terapeutico che si basa sulla teoria delle costellazioni familiari è considerato una pseudoscienza, ma al contempo è accettato e apprezzato per la sua dinamica relativamente semplice, e per essere molto efficace all’atto pratico. In Germania, mentre l'”Associazione nazionale tedesca per la terapia sistemica, il counseling e la terapia familiare” ufficialmente respinge la metodologia terapeutica di Hellinger, illustri nomi del settore fanno notare che il sistema proposto dallo psicologo e scrittore tedesco può essere considerato almeno un utile ausilio diagnostico.

Inoltre, presso l’ Ospedale Universitario di Heidelberg, nel periodo 2009-2013 la German Research Foundation ha condotto uno studio empirico sull’efficacia della terapia delle costellazioni familiari, da cui emerse un miglioramento del benessere psicologico dei partecipanti dopo la partecipazione alle sedute.

Malgrado i più scettici invochino l’effetto placebo, la suggestione e l’empatia per spiegare gli effetti della terapia con il metodo delle costellazioni familiari e sistemiche, non si può negare che esso porti a risultati tangibili. Nulla, infatti, è certo.

In Brasile, il metodo delle costellazioni familiari viene applicato nella sanità pubblica e in campo legale; negli ultimi anni, pubblici ministeri, avvocati e giudici hanno cominciato ad utilizzare le costellazioni familiari come un modo pratico per agevolare e velocizzare la risoluzione dei casi. Più di 16 stati stanno applicando il metodo nei casi sottoposti al Tribunale della Famiglia e in quelli di violenza domestica .

In quali casi è consigliata una Costellazione Familiare?

Il metodo della costellazione familiare può essere efficace nella soluzione di legami e sentimenti conflittuali con la famiglia di origine, per intraprendere costruttivamente una nuova relazione di coppia o sciogliere i problemi che si percepiscono nella relazione esistente, per risolvere i conflitti genitori-figli.

Inoltre, la costellazione familiare può portare sollievo nel tentativo di risolvere tumulti interiori e disagio esistenziale anche quando non è ben chiara l’origine e la motivazione, quando si è subito un trauma importante o una perdita significativa, quando si è alla ricerca di successo personale e professionale.

Secondo i princìpi della costellazione famigliare, i nostri disequilibri provengono da problemi familiari irrisolti, anche appartenenti al lontanissimo passato e di cui non siamo razionalmente a conoscenza, ma che non smettono di influenzare il nostro essere.

Come si svolge una costellazione familiare e come funziona?

Le classiche sessioni del metodo delle costellazioni familiari consistono in sessioni di gruppo. C’è un paziente, titolare e creatore di una costellazione, definito “cliente”, e gli altri partecipanti, chiamati “rappresentanti”, che assumono il ruolo di parenti, vivi o morti. Il terapeuta, chiamato “facilitatore”, guida l’azione.

famiglia intera radunata intorno ad un albero "della vita"Dopo una breve esposizione del proprio problema da parte del cliente (guidata da una “domanda di apertura” che serve a focalizzare il problema), il facilitatore attribuisce ad alcuni dei presenti dei ruoli, che rappresentano il cliente stesso e uno o più membri della sua famiglia (talvolta anche dei concetti astratti o dei luoghi). Il cliente posiziona quindi nello spazio, secondo l’ispirazione del momento, i vari rappresentanti; che restano in posizione eretta con le braccia lungo i fianchi e lo sguardo rivolto di fronte a sé, mentre il facilitatore osserva.

I rappresentanti restano immobili al loro posto per qualche minuto, sotto l’osservazione del facilitatore, che ne studia la collocazione nello spazio e la reciproca posizione. Le sensazioni e i sentimenti che i rappresentanti provano saranno fondamentali per la comprensione della dinamica familiare che ha portato ai problemi attuali, e per risolverli, dopo averne preso atto.

Qualche domanda da parte del facilitatore, l’invito a modificare la posizione dei rappresentanti, l’aggiunta di altri elementi, la richiesta di pronunciare determinate frasi a voce alta, sono eventualità che, a giudizio del facilitatore, possono verificarsi durante la sessione.

La sessione si conclude quando tutti i partecipanti si trovano a loro agio nel posto assegnato, considerando questo già un buon risultato, che porterà a miglioramenti certi nella condizione psicologica del cliente e nella sua quotidianità e a vantaggi all’intero nucleo familiare, anche non presente.

A volte, dopo un tempo variabile da 20 minuti ad un’ora, non si è ancora giunti ad una completa soluzione, si lascia quindi passare del tempo prima di proporre una nuova sessione.

Tutti i partecipanti alla sessione di costellazione familiare ricevono benefici dalla seduta.

Rara, ma non impossibile, la possibilità di organizzare una sessione “a distanza”, tramite connessione dei partecipanti in videochat o sostituendo i rappresentanti con fogli di carta o oggetti su cui il cliente annota il nome del parente chiamato in causa e, fondamentale, la direzione dello sguardo. Un facilitatore con molta esperienza e capacità può comunque valutare la distanza tra gli elementi, l’angolo e la direzione della visuale, ottenendo buoni risultati.

Gli elementi fondamentali di una Costellazione Familiare:

Riassumendo: affinché si possa procedere, occorrerà la presenza di un facilitatore, un cliente che abbia un tema da esplorare e risolvere, una serie di rappresentanti, che assumono i ruoli dei familiari del cliente (del nucleo familiare del presente se il problema da risolvere riguarda il matrimonio o i rapporti genitori-figli, e/o della famiglia di origine e allargata).

– il facilitatore

Stimola la creazione della costellazione e dello spazio fisico ed energetico in cui essa si estende, assumendo un ruolo neutrale in cui non c’è spazio per l’ego e per il “giudizio”. Un facilitatore, oltre ad avere una predisposizione naturale e ad un carattere equilibrato, deve seguire un percorso formativo di crescita personale e spirituale. Deve aver risolto i suoi blocchi interiori e le sue relazioni personali con i membri della propria famiglia, i partner, gli amici, i colleghi di lavoro. Normalmente viene seguito da un tutor durante la formazione e sarà sottoposto ad una prova finale per essere ritenuto idoneo (alcuni facilitatori sono iscritti ai registri nazionali SIAF, che coordinano armonizzatori e mediatori familiari, counselor e operatori olistici, naturopati, artiterapeuti).

– il cliente

Il soggetto primario della costellazione, colui che “pone la domanda” in maniera positiva e costruttiva, che focalizza la tematica. Ha un ruolo decisamente attivo nel processo di guarigione, aperto e pronto a connettersi con gli altri elementi della sua costellazione.

– i rappresentanti

Le persone che rappresentano i parenti del cliente e che, guidate dal facilitatore, hanno pensieri, sentimenti e sensazioni fisiche molto vicini a quelli del parente che stanno rappresentando, anche senza averlo mai visto o conosciuto o averne sentito parlare: il fenomeno sarebbe da attribuire ad una sorta di possessione e/o reincarnazione.

Gli obiettivi e gli effetti di una Costellazione Familiare?

Albero stilizzato avente delle persone come radici portantiL’obiettivo di una sessione di costellazione familiare è far emergere conflitti e problemi legati alla famiglia del cliente, anche del passato, al fine di renderli coscienti e quindi porvi rimedio o scusarsi, e ritrovare la serenità.

La filosofia delle costellazioni familiari fa sua una asserzione dello psichiatra e psicanalista svizzero C. G. Jung: “fino a quando non renderai cosciente l’inconscio, esso dirigerà la tua vita e tu lo chiamerai destino”.

Una costellazione familiare può avere effetti negativi? E’ pericolosa?

Una costellazione familiare non è certo pericolosa, se guidata da un terapeuta serio e professionale, con esperienza. In sostanza stimola una maggiore conoscenza di sé, proponendo la soluzione dei problemi in modo costruttivo.

Il metodo della costellazione familiare si rivolge a persone sane, che vogliono migliorare la loro consapevolezza del sé. Certo, non può sostituire consulenze di psicologi e psichiatri, o terapie farmacologiche, laddove necessarie in presenza di diagnosi di malattie mentali, ma può essere di aiuto ad alleviare il disagio psicologico e può rappresentare un passo in più verso il benessere spirituale.

Tenere le sessioni all’interno di strutture in cui operano psicologi e psicoterapeuti tradizionali o quando vengono consigliate da questi stessi specialisti, rappresenta un’ottima soluzione per conciliare l’esame del nostro inconscio con il supporto di un medico.

Quali sono i costi per una seduta di costellazione familiare?

Il costo di una sessione di costellazioni familiari può variare molto in base alla città e al facilitatore. Indicativamente si oscilla tra i 60 ai 200 €: dipende dal numero di sessioni di cui si avrà bisogno per raggiungere l’obiettivo e da quanti membri della famiglia prenderanno parte alle sedute. Alcuni grossi nomi possono chiedere parcelle che arrivano ai 400 € per una seduta.

Opinioni sulle costellazioni familiari

Come ogni metodo nuovo, anche quello delle costellazioni familiari incontra scetticismi e paure. Le opinioni e le testimonianze di cui si trova riscontro sul web sono, in linea generale, positive; nei blog si parla di risultati anche pratici (trovare un lavoro, conoscere persone nuove, iniziare una relazione, migliorare il rapporto con i figli) ottenuti in tempi brevi.

Non bisogna dimenticare che non è la costellazione in sé a risolvere i problemi, ma si tratta di una tecnica di accrescimento personale, che funziona se la si mette in pratica nel modo giusto.