Notizie

OSR Star Finder: L’app iOS per iPhone, osserva le stelle del cielo

- 5 gennaio 2015

From the OSR Blog

Grazie alla nuova app per iPhone (e presto anche per smartphone android) OSR Star Finder potrai scegliere una stella, attribuirne un nome ed avere l’assoluta esclusiva su quella stella. Potrai anche regalarla, si tratterà di un dono esclusivo, perché la stella che donerai sarà personale ed unica. Inoltre, sarà semplicissimo monitorarla ed osservarla comodamente dal tuo smartphone: sarà sufficiente scaricare l’applicazione OSR Star Finder sul tuo cellulare iPhone o presto anche Android e seguire le istruzioni.

Scoperto nuovo gigante di ghiaccio simile a urano e nettuno

- 20 ottobre 2014

From the OSR Blog

E' stato fatto un nuovo passo nello studio dell'universo e dell'ambiente in cui il nostro pianeta è inserito. E' notizia di questi giorni infatti la scoperta di un pianeta di tipo insolito, distante dalla Terra 25.000 anni luce e che possiede proprietà simili a quelle di due corpi del sistema solare: Urano e Nettuno. La particolarità dell'astro scoperto sta nella sua composizione chimica: si ritiene infatti che sia composto in massima parte da idrogeno ed elio, oltre che da grandi quantità di metano congelato; proprio per questo e per la sua posizione particolare all'interno del proprio sistema galattico è considerato un omologo di Urano. Data la rarità delle proprietà comuni ai due, potrebbe essere possibile dare vita ad una categoria diversa di pianeti: quella dei "giganti di ghiaccio", opposta a quella dei "giganti gassosi" di cui fanno parte astri come Giove e Saturno, o dei "giganti rocciosi", come la Terra.

Pianeta supermassiccio, la stella madre sembra più vecchia

- 17 settembre 2014

From the OSR Blog

Come si comporta una stella vicino a un pianeta supermassiccio? La scoperta è molto recente: solo da pochissimo tempo, infatti, si è riusciti per la prima volta a osservare in maniera chiara e distinta il comportamento di una stella attorno alla quale si "aggira" un pianeta supermassiccio. Come spesso accade per le stelle, anche questa volta la notizia è sorprendente: il corpo celeste nello spazio, infatti, agisce come se fosse più vecchio di quel che è in realtà. A scoprire tale novità sulle stelle e a diffonderla è stato l'osservatorio orbitante per raggi X che fa capo alla Nasa Chandra, che si è concentrato su un pianeta extrasolare denominato WASP_18b, che si trova più o meno a 330 anni luce dal nostro pianeta e che orbita intorno alla stella WASP_18.