Le origini del compleanno dei 18 anni

12 Feb 2015 - Tag:,

From the OSR Blog

Tutti siamo abituati a festeggiare il compleanno, cioè il giorno dell'anno nel quale si è nati, che sia il nostro o delle persone a noi care. Ma questa abitudine non è affatto scontata, non è sempre esistita, e neppure ai giorni nostri può essere considerata di carattere universale.


L'usanza di festeggiare il compleanno ha senza alcun dubbio origini pagane. In alcun culture precristiane, come ad esempio tra i Caldei, era importante conoscere la propria data di nascita ai fini dell'oroscopo. Nell'antichità classica, specie fra i Greci e i Romani, era d'uso festeggiare il genetliaco di persone importanti, come re ed imperatori, ma anche il "compleanno" di alcune divinità.

In effetti, l’usanza della torta di compleanno e delle candeline trae origine proprio da quella circostanza, cioè dal rito in cui si offrivano dei dolci rituali e delle candele votive; questi gesti simbolici sono alla base delle usanze popolari odierne riguardanti la torta di compleanno. La Bibbia, poi, cita un festeggiamento in occasione del compleanno del faraone.

Con l’avvento del cristianesimo, queste tradizioni, essendo considerate come tradizioni pagane, vennero scoraggiate. I re, tuttavia, ripresero ad utilizzare il proprio compleanno come occasione buona per dare delle feste. Soltanto in tempi relativamente recenti, verso la fine del 1700, l’usanza tornò, gradualmente, in auge; prima presso l’aristocrazia e la borghesia, poi per tutti, nel mondo occidentale. Non è chiaro quando sia nata l’abitudine di fare dei regali al festeggiato, ma si presume che venisse considerata di buon augurio.

Un compleanno particolarmente speciale è il compleanno dei 18 anni, per l’ovvio motivo che a quel giro di boa, in gran parte del mondo si diventa maggiorenni. Probabilmente anche in questo caso esiste un substrato culturale antichissimo, perché in quasi tutte le culture è sempre esistito un rituale di iniziazione a marcare il passaggio dei ragazzi alla maggiore età.

In moltissimi Paesi, a diciotto anni si diventa maggiorenni, si può votare, bere alcoolici, prendere la patente… ed anche ogni altra decisione che fino al giorno prima richiedeva l’approvazione dei genitori. Perciò è naturale che in questa circostanza la festa sia particolarmente significativa. Gli auguri di buon compleanno, spesso fatti con formule tradizionali ricorrenti, hanno lo scopo di auspicare salute, sicurezza e prosperità per il festeggiato nel suo nuovo anno di vita.

Diritti Immagine Wikicommons