Supernova: cos’è e come si sviluppa nell’universo

OSR blog post

Che cos'è una supernova e come si forma? Come mai è così bello vedere l'esplosione di una supernova?
Cerchiamo di capirlo insieme.

Che cos’è una supernova?

Una supernova è un evento astronomico di straordinaria intensità in cui una stella esplode violentemente, emettendo una quantità enorme di energia e generando un’intensa emissione di luce e radiazioni.

Durante una supernova, una stella raggiunge il suo culmine di luminosità, spesso superando l’intera galassia in cui si trova. È uno degli eventi più spettacolari dell’universo e può essere così luminoso da essere visibile anche da grandi distanze sulla Terra.

Supernova: ecco le cause e il processo di creazione

Supernova: cos'è e come si sviluppa nell'universoUna supernova può essere causata da due scenari principali: una supernova di tipo Ia, che coinvolge una stella di neutroni o una nana bianca, e una supernova di tipo II, che coinvolge una stella massiva.

Nel caso di una supernova di tipo Ia, si verifica una violenta esplosione di una nana bianca, una stella estremamente densa e compatta che ha esaurito il suo combustibile nucleare.

La nana bianca può accumulare materia da una stella compagna circostante fino a raggiungere una massa critica, innescando una reazione nucleare che causa l’esplosione. Questo tipo di supernova ha una luminosità prevedibile e viene utilizzato come indicatore di distanza nello studio dell’universo.

Nel caso di una supernova di tipo II, una stella massiva, almeno otto volte più massiccia del nostro Sole, esaurisce il suo combustibile nucleare e collassa sotto la forza della gravità.

Questo collasso crea una pressione così intensa che il nucleo della stella raggiunge temperature e densità estreme. Successivamente, si verifica una potente esplosione, che spazza via gli strati esterni della stella e libera una quantità enorme di energia.

Quando una stella si trasforma in supernova?

Una stella si trasforma in supernova quando raggiunge la fine della sua vita. Le stelle di massa inferiore al nostro Sole, come il Sole stesso, terminano il loro ciclo vitale diventando nane bianche senza causare una supernova. Tuttavia, le stelle massicce, quelle con una massa superiore a otto volte quella del Sole, terminano la loro vita esplodendo come supernove. La durata della vita di una stella e il momento esatto in cui diventa una supernova dipendono dalla sua massa iniziale e da altri fattori come la velocità di consumo del combustibile nucleare.

Cosa rimane dopo l’esplosione di una supernova?

Dopo l’esplosione di una supernova, possono rimanere diversi tipi di oggetti astronomici, a seconda della massa originale della stella e delle dinamiche dell’esplosione. Ecco alcuni degli esiti possibili:

  • Stelle di neutroni: nelle supernove di tipo II, quando una stella massiva esaurisce il suo combustibile nucleare e collassa, può formarsi una stella di neutroni. Durante il collasso, il nucleo stellare si comprime a tal punto che gli elettroni e i protoni si fondono insieme per formare neutroni. Una stella di neutroni è un oggetto incredibilmente denso, con una massa simile al Sole ma compressa in un raggio di soli 10-20 chilometri. Le stelle di neutroni sono estremamente calde e ruotano molto velocemente, emettendo radiazioni a diversi livelli dello spettro elettromagnetico;
  • Buchi neri: in alcuni casi, quando una stella massiccia collassa durante una supernova, può formarsi un buco nero. Questo avviene quando la massa della stella è così grande da superare una determinata soglia, chiamata “limite di Tolman-Oppenheimer-Volkoff”. Il collasso gravitazionale è così intenso che crea una regione di spazio-tempo estremamente curva, da cui nemmeno la luce può sfuggire. Il buco nero è circondato da un orizzonte degli eventi, al di là del quale nulla può uscire;
  • Nebulose di vento di pulsar: alcune stelle di neutroni, chiamate pulsar, emettono intensi getti di particelle energetiche e radiazioni. Questi getti possono interagire con il materiale circostante, creando nebulose di vento di pulsar. Le nebulose di vento di pulsar sono regioni di gas e polveri illuminate e ionizzate dalle particelle ad alta energia della pulsar. Sono spettacolari e possono persistere per migliaia di anni dopo l’esplosione della supernova che ha generato la stella di neutroni;
  • Resti di supernova: dopo l’esplosione di una supernova, rimangono anche i resti della stella originale, noti come resto di supernova o supernova remnant. Questi resti consistono principalmente di gas e polveri, insieme a detriti e materiali espulsi durante l’esplosione. Nel corso del tempo, i resti di supernova possono diffondersi nell’interstizio galattico, arricchendo l’ambiente circostante con elementi pesanti prodotti durante l’esplosione. I resti di supernova possono manifestarsi come strutture filamentose o nuvole di gas luminescenti, come ad esempio la famosa Nebulosa del Granchio (Crab Nebula).

Supernova: ecco le principali tipologie esistenti

Supernova: cos'è e come si sviluppa nell'universoLe supernove sono classificate in diversi tipi in base alle caratteristiche spettrali delle loro esplosioni e alle loro origini. Le due principali classificazioni sono le supernove di tipo I e le supernove di tipo II.

Le supernove di tipo I sono ulteriormente suddivise in sottoclassi come Ia, Ib e Ic. Le supernove di tipo Ia sono causate dall’esplosione di una nana bianca che accumula materia da una stella compagna.

Le supernove di tipo Ib e Ic sono causate dall’esplosione di una stella massiva che ha perso la sua atmosfera esterna di idrogeno (Ib) o sia priva sia di idrogeno che di elio (Ic).

Le supernove di tipo II sono caratterizzate dalla presenza di linee spettrali di idrogeno nelle loro emissioni.

Queste supernove si verificano quando una stella massiva esaurisce il suo combustibile nucleare e collassa. Sono spesso associate a una potente esplosione e alla formazione di una stella di neutroni o di un buco nero.

Quando ci sarà la prossima supernova?

Prevedere esattamente quando si verificherà la prossima supernova è estremamente difficile. Le supernove sono eventi rari nell’universo e dipendono da vari fattori, tra cui la massa iniziale delle stelle e la velocità con cui consumano il loro combustibile nucleare.

Attualmente, non è possibile prevedere con certezza quando si verificherà la prossima supernova nella nostra galassia o nelle galassie vicine.

Tuttavia, gli astronomi monitorano costantemente le stelle che potrebbero essere candidate per una futura supernova e conducono studi osservativi per raccogliere dati e comprenderne meglio i meccanismi.

Nova e supernova: quali sono le differenze?

Le novae e le supernove sono entrambe esplosioni stellari, ma ci sono differenze significative tra di loro. Una nova è un evento in cui una stella nana bianca accumula materia da una compagna, che può essere una stella gigante o una nana rossa.

L’accumulo di materia provoca un aumento improvviso della luminosità della stella nana bianca, ma non si verifica una vera e propria esplosione distruttiva come nelle supernove. Dopo l’evento di nova, la nana bianca continua a esistere e può ripetere il processo in futuro.

D’altra parte, una supernova è un’esplosione devastante che distrugge completamente o in parte la stella coinvolta. Le supernove sono associate alle fasi finali della vita delle stelle massicce e sono molto più energetiche delle novae. Le supernove possono emettere una quantità enorme di energia e materiali nello spazio circostante, influenzando l’evoluzione delle galassie e contribuendo alla formazione di nuove stelle.

In conclusione, le supernove sono eventi spettacolari che coinvolgono l’esplosione violenta di stelle, generandoimmense quantità di energia e luce.

Si distinguono in diverse tipologie, come le supernove di tipo Ia, Ib, Ic e le supernove di tipo II, a seconda delle caratteristiche spettrali e delle cause che le generano. Le supernove sono il risultato finale della vita di stelle massicce o di nane bianche, che esauriscono il loro combustibile nucleare e subiscono un collasso gravitazionale seguito da un’esplosione. Dopo l’esplosione, possono rimanere stelle di neutroni o buchi neri, mentre l’emissione energetica e materiale prodotta può influenzare l’ambiente circostante.

Le novae, d’altra parte, sono eventi meno violenti in cui una nana bianca accumula materia da una compagna stellare, causando un aumento improvviso di luminosità, ma senza una distruzione completa della stella. Prevedere quando si verificherà la prossima supernova è difficile, poiché dipende da vari fattori e dalla natura imprevedibile delle stelle. Tuttavia, gli astronomi continuano a studiare e monitorare le stelle che potrebbero essere candidati per una futura supernova, al fine di approfondire la nostra comprensione di questi eventi cosmici affascinanti.